Introduttione alla morale e trattato del parlar lodevolmente

Manuscript copy
Date:

Work ref: 206
Manuscript ID: 174
Type: Prose

Author

Anonymous

Dedicatee

Visual elements


Genre

Compendium

Related to Aristotle's

Rhetoric

Nicomachean Ethics

Branch of Philosophy

Moral Philosophy
—Ethics
Rhetoric

Foliation

ff. 1r-72r

Seen

Yes



Physical Description

Paper; ff. 74; mm. 195_263. Old binding in parchment. Title on spine: 'Manu script. Intro. alla Morale'.

Internal Description

<2r-33v> Introduttione alla morale. Proemio. Capitolo primo. <inc> Dicea Plutarco che gl'huomini devono ben presto apparare quel mestiere che alla sua vita pensando haverà a fare, avvertendo che sia tale che utile et honore gli apporti sino che vive; et perché accade che di tutte l'arti et di tutti gli essercitii niuno è più bello né più utile né che maggior commodo né contento apporti ch'il far professione d'huomo da bene, et di persona honorata, però si deve cercare d'appararla a buon'hora per poter porla lungamente in opra, sarà per tanto non fuori di proposito per introdurci a questa cognitione che civile si chiama dichiarare alcuni termini et principii dalli quali siamo resi più atti ad intendere compitamente quello ch'a questa professione si conviene, la quale ugualmente giova a poveri et a ricchi, a giovani et a vecchi et disprezzata ugualmente nuocerà ad ogni etade. <expl> non essendo altro le virtù attive se non certe cognitioni et regole che ci insegnano valerci della robba, delli amici, della riputatione, et di tutti gl'altri beni esterni, se altri ve ne sono, secundo che la retta ragione et la prudenza ne insegna et prescrive. Et tanto basta a dire delle virtù attive. Il fine.

<34r> Indice di quello che si contiene nella morale.

<36r-70r> Trattato del parlar lodevolmente. / Come si possi parlare lodevolmente. / Capitolo primo. <inc> Niuna cosa è al mondo che da sé non produca qualche operatione per la quale dall'altra si distingue; et quando se ne truovasse una che ociosa fusse, o niente farebbe overo si chiamerebbe affatto cattiva; quindi è che dissero gl'antichi phylosophi che la natura non fa cosa in vano, et niente sta senza adoperarsi; dalle quali operationi sono distinte tra di loro le cose. <expl> Hora abbiamo detto del modo, resterà che della materia del dire ragionassimo et delle fonti d'onde si cavano tutte le prove che s'adoprano artificiosamente per persuadere a quelli con chi si parla la nostra intentione la qual cosa essendo stata fatta tante volte et tanto compitamente, altro per hora non accade aggiongervi.

<71r-72r> Tavola delli capitoli et di quanto si contiene nel antescritto trattato del parlar lodevolmente.

Bibliography

Piazzoni and Vian 1989: 211.

Digitized copy

Online references




Original Record Author
Eugenio Refini
Record Last Updated On
08/03/2013
Record Last Updated By
Eugenio Refini

Citation
Eugenio Refini, ‘Introduttione alla morale e trattato del parlar lodevolmente’, in Vernacular Aristotelianism in Renaissance Italy Database (VARIDB)
  <http://vari.warwick.ac.uk/items/show/4410> [accessed 21 September 2017]