Tavole del mondo et della sphera

Printed edition
Date: 1582

Work ref: 109
Edition ID: 173
Type: Prose


Genre

Compendium

Related to Aristotle's

On the Heavens

Metereology

Branch of Philosophy

Natural Philosophy
—Astronomy

Related Work(s)

1582—DENORES Giason—Tavole del mondo et della sphera

Visual Elements

Yes

Copy seen

Rome, BLinc, Accad. 344.A.28.1

Notes

The copy inspected is bound together with Denores's Sphera and Discorso intorno alla geographia (1589).


Title page

TAVOLE / DI IASON DENORES / DEL MONDO, ET DELLA SPHERA, / Le quali saranno, come introduttione a' libri di Aristotile / Del Cielo, Delle Meteore, & De gli animali. / CON LA SPHERETTA DEL CLARISSIMO / M. TRIPHON GABRIELE, / NELLA QVALE CON BREVITA , ET CHIAREZZA / si descriuono i Cerchi Celesti. / Al Clarissimo M. Francesco Moresini Del Clariss- / M. Piero Patron, & Signore Osservandiss. / [typographer's mark with motto 'Non comedetis / fruges mendacii'] / In Padoua appresso Paulo Meietto M D L XXXII.

Physical Description

4°. [*]2, A-F4. ff. [2], 24. mm. 147×195.

Internal Description

<[*]2r-v> Al clarissimo M. Francesco Moresini del clarissimo M. Piero patron, et signore osservandissimo. <inc> Sì come a coloro, che hanno ricercate diverse contrade del mondo et caminati infiniti paesi, piace alcuna volta di rimirargli in picciola figura ristrettamente descritti, così credo io che a quegli che molti volumi continuamente rivolgono per acquistar questa et quell'altra scientia, non debbia esser discharo quasi per loro propria recreatione di rivedergli parimente con diligenza in poche charte distintamente ridotti. Questo natural desiderio essendo assai ben noto ad Aristotele, havendo egli insegnate al grande Alessandro molte parti di tutta la sua philosophia, volse ancho finalmente con maravigliosa brevità nel Libro del Mondo, come in un picciol ritratto rappresentarglile dinanzi a gli occhi. La qual cosa a quell'invittissimo re è da tener per fermo che fosse di somma contentezza, havendo egli in così breve libretto non senza ammiratione riconosciuto tutto quello che havea con molto studio diligentemente ascoltato. Dall'essempio adunque di un tanto Philosopho, se mi è lecito far simile comparatione, lasciando a più elevati ingegni l'impresa dello scrivere le medesime considerationi più distintamente, mi son mosso io a publicar queste mie brevi fatiche del mondo et delle sue parti, insieme con la Spheretta del cla-

Colophon

Paratextual Elements

1. epistle to Francesco Moresini (Padua, December 23rd 1582), f. [*]2r-v.




Original Record Author
Eugenio Refini
Record Last Updated On
08/03/2013
Record Last Updated By
Eugenio Refini

Citation
Eugenio Refini, ‘Tavole del mondo et della sphera’, in Vernacular Aristotelianism in Renaissance Italy Database (VARIDB)
  <http://vari.warwick.ac.uk/items/show/4620> [accessed 18 November 2017]