Considerazioni intorno all'allegoria a Bellisario Bulgarini

Title

Considerazioni intorno all'allegoria a Bellisario Bulgarini

Description

Paper; misc., comp.; ff. [III], 359, [II]. mm. 210_310.

Date

1594

Contributor

Type

Prose

Identifier

Is Referenced By

Weinberg 1961: 1116.

Manuscript ID

69

Foliation

ff. 67r-73r

Seen

Yes

Genre

Branch of philosophy

Internal description

<67r> <Fabrizio Beltrami to Bellisario Bulgarini, Mirandola, 22.06.1594> Molto Magn.co et Ecc. S.re mio oss.mo. <inc> Quando giunsi alla Mirandola, che fu due giorni doppo ch'io con mia grandissima sodisfatione stei seco in Bologna, niente m'era più a cuore che disobbligarmi da quello che quivi promessi a V.S. e così subbito mi posi a copiare quelle particolari considerationi che da me sono state fatte intorno all'allegoria, con l'occasione d'alcune cose dette dal Patricio e dal Mazzoni in questa materia. <expl> La prego dunque ad avvertirmi d'ogni cosa che parrà a lei, in che non habbia sodisfatto al vero, e viva felice, ricordevole ancora ch'io per molti suoi meriti gli sono aff.mo servitore.

<68r-73r> <inc> So bene ciò che dice Simplicio nel com. del primo della Fisica e Siriano nel com. che fece in alcuni libri della Metaf. D'Arist. in difesa d'Empedocle, il che è anco accennato dal Pat. in questo luogo, se bene egli non si degna proporne gl'autori: ma so ancora, che altro è sporre i sentimenti veri e propri de scrittori, altro è con allegorie e con mistiche interpretationi storcer quelli in altro sentimento, et a suo capriccio. Onde disse Plutarco [in fabulis etiam quae maxime vituperantur, quas allegoriis etc. non nulli alio detorquent] perché qual autore scrisse mai così scioccamente e senza giuditio il cui parere con certi figmenti e storte interpretationi non possa esser tirato ad una apparenza di probabil ragione? Et anco incidentemente tal'hora alla veritade stessa? <expl> Perché non so anco ben vedere com'ella riguardi l'Allegoria, essendo che le sconvenevolezze che si possono emendare e coprire col senso allegorico tanto sono tollerabili in un reo poeta, quanto in Omero, non valendo più la ragione per questo, che per quello in quanto a questa parte, ma perché le molte imperfettioni d'un reo poeta fanno imperfetto tutto 'l poema, quindi è che una sola imperfettione d'un buon poeta si cuopre con le molte perfettioni <73r> di tutto 'l poema, però in questo si fa quel difetto tollerabile in quello no! Ma ritornando al Patricio, doppo così lunga corsa, dico etc.

Paratextual elements

1. epistle to Bellisario Bulgarini (Mirandola, 22nd June 1594), f. 67r-v.

Record last updated

08/03/2013

Record last updated by

Eugenio Refini

Collection

Citation

Eugenio Refini, ‘Considerazioni intorno all'allegoria a Bellisario Bulgarini’, in Vernacular Aristotelianism in Renaissance Italy Database (VARIDB)
  <https://vari.warwick.ac.uk/items/show/4305> [accessed 24 July 2024]