I ragionamenti sopra l'Etica di Aristotele

Manuscript copy
Date: 17th c. (or late 16th c.)

Work ref: 5
Manuscript ID: 5
Type: Prose

Dedicatee

Visual elements


Related to Aristotle's

Nicomachean Ethics

Branch of Philosophy

Moral Philosophy
—Ethics

Foliation

ff. 1r-194v

Seen

Yes



Physical Description

Paper, ff. [i], 203 [blank 195-203]; mm. 203_146. Original binding in parchment, damaged spine. Watermark at ff. 195-196, 199-200 cf. Briquet 9970. The title is written on an old and damaged label on the spine: 'Galeazzo Florimonte / da Sessa / <.>onamenti / col / <.>incipe di Salerno / sopra / l'Etica di / Aristotele'. The version of the Ragionamenti witnessed by the Verona manuscript is that of the 1554 printed edition (the two dialogues are simply separated by a blank space at f. 75r; the last sentence of the second dialogue is missing). There is an erased signing on the last leaf ('Jo horatio [auncino] et mutio [..]') followed by a verse ('Diro diorlando interese [.] [.]').

Internal Description

<1r> DE LI RAGIONAMENTI DEL SESSA / Col Principe di Salerno sopra l'Etica / Di Aristotele composti per m. Galeazzo / Florimonte da Sessa, Giornata Prima.

<2r> <I ragionamento> <inc> Tornando di Salerno nel mese di Giugno e passando per Napoli m'incontrai nel S. Ferrante Brancazio, et nel Sig.r Gio. Tomaso Minadois miei antichi hospiti. Et non si tosto m'hebbe raffigurato il Brancazio, che cominciò da lunga: Ah mancator di fede perché non te ne se tu andato dritto a smontar a casa, come nel passar a Salerno mi promettesti? Perché io voglio risposi andar questa sera ad Aversa, per poter giunger dimane a Sessa: in bona fe' risposero amendue. <74v> Il vostro ragionemento Sessa me ha sommamente contentato e parimente acceso in tanto che hora per prova conosco quello ch'un giorno su la caccia mi dicesti cioè che i piaceri e diletti de l'animo avanzan quelli del corpo: perciò che non mi ricordo haver mai sentito piacere che tanto m'empiesse l'animo, come <75r> hora avvenuto m'è, et spero goderne longamente con la memoria. Per tanto mi contento che ve n'andate a spasso se non volete cavalcar meco, ma con patto che ritorniate dimane a l'hora d'oggi a dechiararmi che cosa sia questa virtù morale, senza la quale non si può l'humana felicità guadagnare.

Bibliography

Iter II, 295a; CMFBI 8, 239-240, n°56; Peruzzi 1992: 131; Spagnolo-Marchi 1996: 533.

Digitized copy

Online references




Original Record Author
Eugenio Refini
Record Last Updated On
08/03/2013
Record Last Updated By
Eugenio Refini

Citation
Eugenio Refini, ‘I ragionamenti sopra l'Etica di Aristotele’, in Vernacular Aristotelianism in Renaissance Italy Database (VARIDB)
  <https://vari.warwick.ac.uk/items/show/4241> [accessed 22 April 2024]