De immortalitate anime

Manuscript copy
Date:

Work ref: 1
Manuscript ID: 16
Type: Prose

Visual elements


Related to Aristotle's

On the Soul

Branch of Philosophy

Natural Philosophy
—Psychology

Foliation

ff. 1r-49r

Seen

Yes



Physical Description

Parchment; mm. 177_120; ff. [1], 50 [50 blank], [8]; 23 lines; layout mm. 110x75. Original binding in wood and vellum.

Internal Description

<1r> Qui comincia el prologo sopra el tractato de lanima composto de frate Jacopo Campora de Zenua de lordine di frati predicatori essendo ae xaenford. A rechiesta de Johanni de marcha nuovo merchadante in londra. <prologue> <inc> Al venerabile et discreto suo mazore Johanne de marcha nuovo citadino de la felice cita de Venecia. frate Jacopo de campora de Zenua del ordine de li frati predicatori. in sacra theologia licenciato in la universita de onsonford cum recomendatione. Pensando in me molte volte la granda [sic] humanita la quale longo tempo passato mhai mostrato effectualmente. Pensai anchora io se possibile era a me in qualche modo fare chossa la quale non fosse non come satisfactoria de tanti beneficii ricevuti. ma solamente demonstratoria de qualche grado de gratitudine. <1v> <expl> per la qual chosa priego la tua benignità che prenda in grato questo mio sudore et siate acceta. de [sic] se in quello vedessi chosa la quale non fosse cusi ordinatamente dicta a me come se rechiede. priego habi excusata la mia ignorantia. et la tua discretione supplisca el mio <2r> defecto. Finisse il prologo. E comenza el tractato. Capitolo primo. che molto [sic] e da tenere ne la presente opera. / <inc> Johannes. Molte volte ho oldito che grandi philosophi cum grandissimo studio et sottilissima inquisitione hano investigato mirabile conclusione circa lanima humana. dele quale la piu excellente che io habi oldito e de la sua immortalita. E ben che per inviolabile fede nui credemo lanima esser immortale. niente de meno vorei che me dicesse le raxone philosophiche questo persuadente. <48v> <expl> E si qualche manchamento vie sera. chomo de quelloro che moreno avanti che siano venuti a la debita quantita sua: over dei quelloro che sono stati monstruosi, quello defecto supplira la divina possança. E questo parme che basta a satisfactione della difficulta mosta [sic]. Et a compimento de questo picolo tractato. Per la cui fine in Sempiternum ne sia laudato laltissimo idio. Amen. / Finis.

<49r-v> Tabula huius libri. / finis

Paratextual Elements

1. index of chapters, f. 49r-v.

Bibliography

Iter III, 310b; Mazzatinti: I, 165.

Digitized copy

Online references




Original Record Author
Eugenio Refini
Record Last Updated On
08/03/2013
Record Last Updated By
Eugenio Refini

Citation
Eugenio Refini, ‘De immortalitate anime’, in Vernacular Aristotelianism in Renaissance Italy Database (VARIDB)
  <https://vari.warwick.ac.uk/items/show/4252> [accessed 22 April 2024]