Dialogo chiamato Francesco di Bargas

Manuscript copy
Date:

Work ref: 179
Manuscript ID: 133
Type: Prose

Author

Anonymous

Dedicatee

Visual elements


Genre

Dialogue

Related to Aristotle's

On the Soul

Branch of Philosophy

Natural Philosophy
—Psychology

Shelfmark

Padua, BU, 64

Foliation

ff. 1r-37r

Seen

Yes



Physical Description

Paper; misc., comp.; ff. I, II, 85; mm. 220_160.

Internal Description

<1r-37r> Dialogo chiamato Francesco di Bargas o veramente dell'immortalità dell'anima. / Persone del dialogo Francesco di Bargas et Iacobo Casaglia nobili di Malaga.

<1r-18v> <inc> Se noi amicissimo e dolcissimo Casaglia non godiamo altro che quel che con nostri sensi cognoscemo troppo siamo isventurati, per che le cose di questa presente vita un piacere cil vendano con un miglione de dispiaceri né mai veruno si puotete [sic] ritrovare che o dalla natura o dalla fortuna pur solamente un'hora si trovasse satisfatto. <expl> Sarete qua domatina a buon hora e diremo quel tanto che Iddio ci spirarà della verità de la religione christiana.

<18v-37r> Dialogo secondo. / De la vera religione. <inc> Bargas: Che hora è questa Casaglia fratello adesso andiamo noi in coro a dire il matino. Casaglia: Sappi che questa notte non ho dormito mai per la allegrezza che havevo. <expl> et a lui come a beato Pietro esser stata data da Jesu Christo nostro signore l'autorità di pascolare, dirizare et governare la catholica chiesa. Se tu hora chiaro di quello che desideravi sapere? Casaglia: si che sono e ti ringratio. Il fine.

Bibliography

Digitized copy

Online references




Original Record Author
Eugenio Refini
Record Last Updated On
08/03/2013
Record Last Updated By
Eugenio Refini

Citation
Eugenio Refini, ‘Dialogo chiamato Francesco di Bargas’, in Vernacular Aristotelianism in Renaissance Italy Database (VARIDB)
  <https://vari.warwick.ac.uk/items/show/4369> [accessed 18 May 2024]