Discorso sulle arti del poeta

Title

Discorso sulle arti del poeta

Description

Paper; misc., comp. (26 units); ff. [III], [2], 336, [2], [III]; measures varying. Unit 17: mm. 272_204.

Contributor

Type

Prose

Identifier

Is Referenced By

Weinberg 1952: 251.

Manuscript ID

172

Foliation

ff. 115r-124v

Seen

Yes

Genre

Branch of philosophy

Internal description

<115r-124v> <inc> Ogni arte Nobili Accademici è radicata nella ragion naturale; e comunemente s'accetta la massima che l'Arte imiti la Natura, la quale essendo prossima ministra della cagion prima, ben disse Dante l'Arte essere a Dio quasi Nipote. Quindi è che, tutto che gli huomini sieno per lo più divenuti artefici eccellenti, allora che allo studio loro hanno aggiunto gli altrui precetti, alcuni non pertanto alla perfezzione sieno arrivati dell'Arte solamente con l'aiuto del lor sottile avviso. <expl> Noi conchiuderemo adunque che Dante ora scoprendo ora citando la sua persona adopri il modo dell'epopea: il che havendo provato del soggetto potrà parere che della mia promessa ci siamo diliberati. Nondimeno a maggior chiarezza ci ingegneremo nella seguente lezione rispondere ad alcuni dubbi pertinenti alla qualità delle persone eroiche ringraziandovi intanto benigni uditori della vostra cortese audienza.

Record last updated

08/03/2013

Record last updated by

Eugenio Refini

Collection

Citation

Eugenio Refini, ‘Discorso sulle arti del poeta’, in Vernacular Aristotelianism in Renaissance Italy Database (VARIDB)
  <https://vari.warwick.ac.uk/items/show/4408> [accessed 25 July 2024]